“Non ho più una lira” Suonatore di strumenti antichi si dispera al banco dei pegni

La crisi ha colpito soprattutto chi della generosità altrui faceva una fonte di sostentamento, un tempo le strade permettevano a questi artisti di sbarcare il lunario. Oramai purtroppo la bramosia di denaro,  ha superato il gusto della poesia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*