“Ora sono cavoli” Genetista si compiace di proprio ibrido vegetale

La scoperta porterà fiumi di denaro nelle tasche del ricercatore, questa particolare mutazione genetica indotta del cavolo, permette di coltivarne in quantità con meno nutrienti. Una rivoluzione per le parti povere del mondo, dove paradossalmente ci saranno meno cavoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*