in

Caronte stufo del lavoro: “Porto troppo rancore”

È sicuramente uno dei personaggi più odiati e amati della Divina Commedia, lo conoscono tutti appunto perché è all’inizio dell’opera è quella l’hanno letta davvero tutti. L’immagine dell’inferno nonostante sia associata alla cultura, è troppo interessante per lasciartela passare senza provare nemmeno a capirla. Molti modi di dire e i personaggi che usiamo nel comune dialogare provenienti dalla prima parte del viaggio di Dante.

Non occorre scendere all’Inferno per avere a che fare con persone disperate, spesso gli autisti dei pullman si trovano a condividere il tempo con dei personaggi poco raccomandabili, a volte con persone che piangono, a volte con persone che hanno bisogno di aiuto. Il contatto con il pubblico può essere assai appagante e quando il proprio lavoro consiste nel spillargli denaro, ma molto deprimente quando consiste nel fornire un servizio.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

M5S vince a Campobasso promettendo di alzarlo

Marco Mazzoli dimentica di fare la tinta e diventa Marco Columbro