Cassazione, lecito malmenare chi spegne la Play mentre perde a FIFA

Sono circa trent’anni che videogiochi di calcio imperversano prima nelle sale giochi e poi con l’avvento delle consolle a casa. Proprio in ambito domestico le peggiori litigate, soprattutto tra fratelli dove l’onore odierno viene messo in discussione ad ogni singola partita. Non conta il numero delle precedenti sconfitte, la cosa importante è il momento anche solo un’azione per quelli scarsi: ogni scusa è buona per lamentarsi.

Tra le più gettonate abbiamo il cambio del joystick, leggende narrano di fratelli esasperati dalle sconfitte che hanno truccato i giocatori della propria squadra pur di provare il piacere della vittoria. La vera bellezza di queste situazioni comuni, sono i ricordi che generano, indelebili come le arrabbiature causate da questi ultimi. Ed essendo vissuti da tutte generano tessuto sociale inaspettato in età adulta.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*