in

Iannone continuerà a correre in Russia

La questione del doping nel motociclismo ci è totalmente nuova, per le persone è solamente la moto a compiere le imprese che vediamo in pista, ma per gestire certi bolidi occorre un fisico bestiale, la accelerazione che subisce il corpo è una forza incredibile che potrebbe fare svenire le persone normali. D’altro canto la palestra vale fino a un certo punto, sono le ore in pista a forgiare il pilota nel fisico e soprattutto nella mente perché rischiare la morte a oltre 300 km/h non è un esercizio che può essere instillato nella mente, occorre un pizzico di follia.

Dopo un certo lasso di tempo non è possibile per tutti rimanere sui livelli che permettono di correre nelle massime categoria, i giovani si fanno avanti e a meno che non si sia dei veri e propri fuoriclasse incedere del tempo limita le prestazioni. Solo grandi campioni riescono ad avere l’esperienza per prevedere i comportamenti della moto ma l’elettronica ormai a standardizzato la guida facendo venire meno le abilità personali in favore di quelle meccaniche del mezzo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Iannone positivo al doping: “Preso il vizio per stare con Belen”

Ronaldo polemico: “Salto ancora l’uomo”