in

Isola di plastica nel Pacifico, scoperte forme viventi di Lego

Continuano le scoperte in questo mondo pazzo, i cataclismi e le malattie che stanno affliggendo la razza umana portano a nuove scoperte nuove frontiere della ricerca, il problema ambientale oramai è arrivato ad un punto in cui occorra risolverlo, soprattutto partendo da le cose più evidenti come l’isola di plastica che gira e negli oceani in disturbata. I ricercatori hanno deciso di creare un batterio apposito per cercare di distruggerla in qualche modo, arrivati con l’elicottero sopra l’abominio umano sono stati subito attirati dai rumori e andando a vedere hanno fatto l’incredibile scoperta.

I mattoncini Lego avevano incominciato a muoversi da soli, la quantità di plastica deve aver creato un micro clima ideale per i batteri che hanno incominciato a evolversi in maniera inconsueta, complici anche le materie legali utilizzate nei paesi come la Cina è entrato in atto un processo di creazione della vita che mai avremmo immaginato. I mattoncini avevano preso vita e iniziavano a costruirsi da soli, potevamo rivedere il castello del dragone Nero della lego, e altri favolosi giocattoli della nostra infanzia. In questo mondo di pigrizia ciechi Apple Watch a pensato addirittura di creare

I mattoncini avevano preso vita e iniziavano a costruirsi da soli, potevamo rivedere il castello del dragone Nero della Lego e altri favolosi giocattoli della nostra infanzia. In questo mondo di pigrizia si è pensato addirittura di creare una nuova linea di giocattoli in grado da soli di costituire le immagini della scatola. Subito accolta con piacere dai tanti genitori che preferiscono lasciare i figli davanti uno schermo piuttosto che seguirli, lo stesso motivo che porta a creare isole di plastica: la pigrizia.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Mentor

Scritto da Ant Onion

Story MakerAutore

Silvia Romano sente Di Maio e torna in Africa

Silvia Romano un anno e mezzo prigioniera: “Errore preparargli le lasagne”