L’Inghilterra del calcio non ne vuole sapere delle Brexit

In queste due ultime sessioni di calciomercato estivo sono molte le squadre europee rimaste scottate dai mancati acquisti da parte della Premier League, prima buoni giocatori di talento venivano tranquillamente piazzati tra i 30 e i 40 milioni di euro. Le squadre inglesi erano considerate  delle incapaci per quanto riguarda lo scouting; smesso di sperperare denaro ha fatto concentrare maggiormente i team sui giocatori che avevano in squadra, il Tottenham infatti pur non cambiando nessuno è riuscito a raggiungere la finale.

Stessa storia vale per il Liverpool e per l’Arsenal. Discorso a parte per il Chelsea di Maurizio Sarli, che dopo tante critiche e mugugni ha riportato la squadra in Champions League in finale di Europa league. Un pochino d’Italia c’è in questi successi e a noi italiani basta per esaltarci e gonfiare il petto guardando la nostra bandiera.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*