in

Navigli affollati, troppi “figa”all’aperitivo

Milano si conferma una città in grado di stupire, questa volta anche in peggio, il sindaco sala ha visto le persone riversarsi con frequenza nelle strade soprattutto per l’orario dell’aperitivo, per problemi della privacy non era possibile tracciare le persone con il GPS e allora è stato deciso di utilizzare un metodo controverso ma assai più efficace. Con dei fonometri sparsi per la città vengono rilevate le volte in cui viene pronunciata la parola più in voga tra i milanesi, la tanto cara “Figa”, accolto tra le polemiche su sta rivelando efficace.

Sappiamo bene che ogni milanese ogni 10 parole devi pronunciarlo, con un algoritmo è stato possibile calcolare il numero di persone che esattamente erano presenti nella città all’orario dell’aperitivo. Molto importante perché rappresenta un momento di libertà per chi lavora 12 ore al giorno e crede di avere la vita in pugno perché riesce a mangiare schifezze e bere cocktail per un paio d’ore al giorno. Un grande passo avanti che verrà proposto anche un’altra città, vanno identificate altre parole comunque con questo genere di ricerca, ma sappiamo che ogni città ha il suo intercalare storico che la caratterizza.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Michelle Hunziker scala grattacielo di specchi

Covid-party ai Navigli