in

Niente visto a chi non parla inglese, Di Maio bandito dalla Gran Bretagna

Sì iniziano a notare i cambiamenti dovuti alla Brexit, nonostante i giornali inviano titoli catastrofistici,  l’economia inglese sembra essere in ripresa anche se siamo ancora in una fase embrionale e dare retta ad un giornale piuttosto che un altro è più esercizio di fede che di volontà di comprendere la realtà. Gli effetti iniziano a farsi vedere quando si entra Europa, ovviamente la Comunità Europea deve fare di tutto per mettere i paletti tra le ruote agli inglesi, tornando indietro di oltre trent’anni come norme sul transito nei paesi dell’unione. Non si dovrebbe impedire ad un cittadino di entrare in Europa per i litiigi con il suo paese di origine.

Colpisce la norma che vorrebbe un test d’ingresso per vedere per far entrare gli immigrati, il lavoro a basso costo con cui spesso gli italiani si mantengono ha rovinato il mercato del lavoro in Inghilterra. È vivida nella nostra memoria il ricordo della coppia di italiani morti bruciati in quell’appartamento dove vivevano con altri immigrati, non abbiamo mai capito quelli che abbandonò l’Italia per andare a vivere come dei reietti all’estero. Abbiamo avuto la fortuna di poter lavorare, essere parte della società civile seppur con uno stipendio umile, non essere costretti a lasciare la nostra casa, la nostra terra per potere riuscire a mettere qualcosa sotto i denti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Roma, tombaroli cominciano scavi della metro

Benji a Lourdes per riavere Fede