in

Ordina panna cotta al posto del Bonèt, accusato di razzismo

Non c’è davvero pace in questo mondo isterico che vuole a tutti costi dare una svolta alla deriva razzista, purtroppo quando si vuole fare piazza pulita si tende a essere totalitarismi e non lasciare spazio alla libera interpretazione di concetti che andrebbero analizzati. Queste parole trovano riscontro in un increscioso evento successo nel fine settimana vicino ad Asti in Piemonte, un ragazzo a fine del pasto avevo ordinato il classico Bunet il dolce della tradizione piemontese, all’ultimo secondo richiamato la cameriera cambiando con una panna cotta scatenando le ire dei commensali.

La necessità di mostrare di essere dalla parte della maggioranza ha trasformato gli amici in inquisitori, si sono uniti anche i tavoli a fianco tramutandosi in una folla inferocita che urlava lo slogan “black lives matter”. Presi dall’isteria si sono catapultati alla ricerca di una statua abbattere, sembra diventato parte integrante della manifestazione distruggere qualsiasi cosa che riporti al passato, distrutte anche tutte le scorte di panna cotta nel ristorante, tutti pronti a postare su Facebook la grande impresa per sentirsi migliori degli altri.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Ronaldo segna su punizione, fine del mondo sempre più vicina

Sventata strage, terrorista mette bomba sotto sedile per distanziamento