Salvini apre a ”Vamos a la playa” al posto dell’inno di Mameli

Le metodologie utilizzate da Matteo Salvini stupiscono di volta in volta per la sfacciataggine con cui la mette in pratica, qualsiasi carica istituzionale suo posto sarebbe sprofondata sotto la sabbia per queste dichiarazioni con cui ha ammorbato il paese. Al 40% degli italiani piace questo un uomo dal torso nudo che in spiaggia spara sentenze, chi lo insulta fa soltanto il gioco della Lega Nord, permettendogli di cementare il legame con lo zoccolo duro.

Occorrerebbe cercare di fare capire alle persone quali sono le dinamiche che hanno portato Matteo Salvini a questa percentuale di successo, probabilmente gli insulti e la radicalizzazione di una sinistra ormai incapace di proporre soluzioni ai problemi del paese. Per quanto la si possa criticarlo prova a dire un qualcosa gli italiani invece che vaneggiare senza nulla in tasca. La sua abilità politica va ricercata nella pochezza degli avversari, tra di Maio e Zingaretti non sapremmo su chi sarebbe meglio non puntare.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*