in

Torino, anarchici dispersi con lancio di contratti a tempo indeterminato

Se avessero presentato un progetto, le persone interessate visto il gran numero avrebbero ottenuto la struttura legalmente.  La loro pericolosità è accertata da come si siano organizzati esattamente come le tribù barbare per rivendicare diritti dimenticando volutamente i doveri. Una intera città sotto scacco, i pullman sono stati messi a disposizione al posto dei tram, non una parola da parte della giunta comunale, che ha pensato a invitare dei ragazzini a parlare dell’ambiente, usando in verità come propaganda per la nuova ZTL. I commercianti vedranno ulteriormente diminuire i loro incassi, la città si sta desertificando: colpo di grazia a una Torino umiliata nell sua storia ormai da troppo tempo, gestita da in persone competenti solamente nella presunzione, sopratutto nella sua massima esponente. Confidiamo nel cospicuo interesse della magistratura nei tuoi confronti.

Stupisce come questi figuri stiano ancora dicendo la loro sulla cavallerizza dell’UNESCO amministrato tenendo in considerazione di chi lo occupa abusivamente. Un incendio non è bastato,  siamo dei poveri illusi perché non è bastato neanche un morto per far cambiare le cose in città, la rassegnazione alberga nei torinesi al punto di attendere la fine di questa agonia come una degenza. I monopattini lasciati ovunque sono l’immagine più deprecabile ma anche più rappresentativa della questione torinese.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento...

0

Comments

0 comments

Sparisce WhatsApp e millennials conosce la sorella

Congresso delle famiglie, comunisti masticano feti di gomma